+:+:+ VIAGGIO +:+:+ NUTRIZIONE +:+:+ DIETA +:+:+ SALUTE +:+:+

:.. PROGETTO INTERCULTURALE SUL TEMA DEL VIAGGIO :.. PROYECTO INTERCULTURAL SOBRE EL TEMA DEL VIAJE  :..  INTERCULTURAL PROJECT ON THE THEME OF TRAVEL

+:+ CARBOIDRATI +:+ PROTEINE +:+ LIPIDI +:+ DIETA +:+ MEDITERRANEA +:+ CEREALI INTEGRALI +:+ FRUTTA E VERDURA +:+ ALIMENTAZIONE +:+ PREVENZIONE +:+  CATTIVE ABITUDINI +:+ LONGEVITA’ +:+ NUTRIZIONISTA +:+

LEGUMI

:.. Noccioline

o noccioline americane

:.. semi commestibili

(cotiledoni avvolti in un rivestimento fibroso)

prodotti dalla pianta di arachide

(Arachis hypogaea),

leguminosa erbacea di origine sud americana

(Famiglia botanica Fabaceae).

Dal punto di vista nutrizionale

sono semi oleosi o frutta secca.

Alimenti ipercalorici,

ricchi di grassi,

tendenzialmente polinsaturi,

  proteine a medio valore biologico,

fibre, minerali e vitamine di vario genere,

ma poveri d’acqua.

Quelle salate hanno un elevato contenuto di sodio.

Sono note per l’ottimo contenuto di polifenoli

con azione antiossidante.

Risultano troppo caloriche e non si prestano alla dieta

contro il sovrappeso e l’obesità.

Pur contenendo un alto livello di acidi grassi polinsaturi omega 6,

utili nella terapia alimentare contro l’ipercolesterolemia,

questi sono prevalentemente costituiti da acido arachidonico,

un acido grasso semi-essenziale con una forte predisposizione

ad aumentare i livelli serici di eicosanoidi pro infiammatori,

coinvolti nell’aumento del rischio cardiovascolare.

Hanno un elevatissimo potere allergizzante,

che può scatenare una sintomatologia diversa a seconda del grado di ipersensibilità,

ed in alcuni casi tanto grave da indurre lo shock anafilattico.

Nonostante le noccioline contengano proteine a valore biologico incompleto,

si distinguono per il notevole apporto di lisina, glutammina e arginina;

quest’ultima è un amminoacido precursore dell’ossido nitrico,

importante per il sistema immunitario

e molto utilizzato nell’integrazione alimentare.

Le noccioline hanno un’elevata concentrazione di fibre alimentari,

rappresentate quasi totalmente da molecole insolubili.

Il colesterolo è assente,

così come il lattosio ed il glutine.

Sono considerate tra gli alimenti in assolto più ricchi

di amminoacido fenilalanina;

il contenuto di purine è di media entità.

Non apportano livelli considerevoli di istamina e,

contrariamente ad altri semi oleosi,

non figurano tra gli alimenti istaminoliberatori.

Bisogna tuttavia ricordare che le arachidi hanno un’alta incidenza allergizzante.

Dal punto di vista minerale, le noccioline si possono considerare ricche di: calcio, ferro, magnesio, manganese, fosforo, potassio e zinco; bisognerebbe tuttavia considerare la loro reale biodisponibilità,
ma soprattutto l’impatto globale della loro porzione consigliata,

molto contenuta.

Per quel che riguarda le vitamine invece,

le noccioline hanno un’elevata concentrazione di molecole idrosolubili del gruppo B,

tiamina (vit B1), riboflavina (vit B2), niacina (vit PP), acido pantotenico (vit B5), piridossina (vit B6), folati,

ma anche della liposolubile vitamina E (alfa-tocoferolo).

Da non dimenticare la considerevole concentrazione di polifenoli,

molecole antiossidanti che sembrano aumentare notevolmente

dopo la tostatura delle noccioline.

Le noccioline sono considerate generalmente sicure.

È noto un solo tipo di rischio igienico, specificamente legato alla presenza di aflatossine.

In passato si sono verificati casi di proliferazione di Aspergillus flavus nelle noccioline,

con relativo aumento dell’agente tossico.

Questo può avvenire se le piante di arachidi vengono sottoposte

a grave siccità durante la formazione dei baccelli,

oppure se i baccelli non vengono conservati correttamente.

Le arachidi di qualità inferiore,

in particolare dove è evidente la presenza di muffe,

hanno maggiori probabilità di essere contaminate.

:.. WORKS IN PROGRESS

:.. AUTORE: ALESSANDRO FAGIOLO

«Alex il viaggiatore» Roma, Italia. www.alexilviaggiatore.org